sabato, marzo 31, 2007

Messaggio inviato da: "john smith"
Data: Mer 28 Mar 2007 5:05 pm

ciao ogni corpo ........

Siamo più appena di un luogo datante libero in linea. Venire a contatto della gente dalla vostra zona locale o intorno al mondo per amicizia, datare e chiacchierata. Cosى tanto più appena un luogo datante, questo non è un luogo dell'adulto Siamo l'unico luogo datante che permette che cerchiate ogni singolo parametro in un profilo - offriamo la ricerca più vasta fuori là. Se siete osservare giusto per fare gli amici, unire i migliaia dei membri che hanno unito datare 5 stelle che cercano lo stesso. Cercare i personals della foto e della Comunità quelli con gli interessi comuni, varianti dal hiking al gioco alle arti. Per concludere, una Comunità in linea per sceglie più appena! Che cosa tipo di rapporto state cercando, lo troverete qui. Cercare la Comunità altre con gli interessi simili, per amicizia in linea o in vivo, datare, chiacchierata e molto più! Datare 5 stelle è nuovo, facile da usare e completamente DA LIBERARE

spam da accatitipi duepunti doppiabarra
3voltevudoppia punto dating5stars punto com

venerdì, marzo 30, 2007

Pampurio
La porta dell’appartamento si spalanca – Ciao e ciao, come stai, ti trovo bene ah che c’è qui? Non dovevi disturbarti. Non l’ho ancora assaggiato, ma il vinaio mi dice che è buono, non so. Ti piace il pinot nero? Sta fermo Pampurio. Maaax! Come sei cresciuto! Che hai lì? Cosa vuoi che abbia? Il GameBoy... Pampy lo riconosci Max? eccome se lo riconosce... guarda come scodinzola – e subito il pianerottolo si riempie di aria domestica calda e covata, piena di questo profumo di cucinato fresco, di roba al forno, una fiatata d’accoglienza, amicizia, affetto, antichi e forse puri. Il cane scodinzola frenetico, scuote il posteriore uggiola salta, scatta qua e là per poi tornare indietro, lecca la faccia del bambino – Ahhh... smettila Pampy, stai a cuccia! – la padrona lo richiama per riattizzarlo subito dopo, chiedendogli se si ricorda di Max. Pampurio pare proprio che se ne ricordi, sembra felice, nel modo irresponsabile dei cani, quando li vedi raggianti in quella maniera umile e svagata e capisci che non gliene può fregare di meno, che il suo affetto è canino, compulsivo, genetico. - Te lo ricordi Pampurio, quest’estate era un cucciolo... certo come crescono i pastori. Niente paura, non ti fa niente... puoi carezzarlo, lo vedi come scodinzola? -
[leggi il resto]

posted by tashtego

giovedì, marzo 29, 2007

Don Porro e il pergolato
Don Porro ha messo un pergolato in giardino e si gode il suo porro su una sdraio. Sta per addormentarsi, ma una voce gli dice all'orecchio: "che schifo. Non vorrei mai un pergolato, neanche se me lo regalassero". Don Porro si addormenta. Si sveglia per via di un frastuono pazzesco, apre gli occhi e vede delle ruspe nel cortile del suo vicino di casa, che sta montando un pergolato di cemento armato alto 20 metri. Allora don Porro riflette per un'oretta, poi si toglie gli occhiali da sole, e con tutta calma si rolla un porro di due chilogrammi netti. Lo accende, ci espira dentro con molta forza e produce una tromba d'aria che sradica il pergolato del vicino e lo disperde in corrispondenza del triangolo delle Bermude.

mercoledì, marzo 28, 2007

Stazione di R. – Sono qui ad attenderti, col vestito a fiori e la collana luccicante, bella come il sole, come non lo sono stata mai. Una voce nell'altoparlante annuncia l'arrivo del treno proveniente da M. sul binario 8. Ho il cuore in gola. So tutto di te, tranne il corpo. Non ha mai avuto importanza per noi, e non ne avrà oggi. Ci riconosceremo tra mille, lo so, me lo sento. Ti vedrò e saprò che sei tu. Ecco che il treno si ferma, i primi viaggiatori scendono. No, non sei tu. No, nemmeno tu, no. Dove sei, non ci avrai ripensato? E se non ti ho saputo riconoscere? E se mi hai riconosciuta e non ti sono piaciuta? E se fossi tu quello che si sta avvicinando proprio ora, dieci passi, quattro... Sì, non puoi che essere tu. È dunque questa la forma del mio amore. Ti abbraccio, infilo la testa nello spazio tra te e la tua giacca. È qui che voglio morire. Mi stringi, come batte il tuo cuore. Lo sapevo, lo sapevo che sarebbe stato facile trovarsi. Perché ci abbiamo messo tanto a farlo, perché. È tutto così naturale. Mi baci. Come sono morbide le tue labbra. Mi accarezzi la faccia come se fossi cieco. Le tue mani corrono lungo la schiena, con una fame. Usciamo dalla stazione, ci infiliamo nel primo albergo che incontriamo lungo la strada. Appena entrati in stanza facciamo subito l'amore, senza preamboli, senza dire nulla. Mi prendi, ti stuzzico, mi provochi, ti fomento. Alla fine, sfiniti, giaciamo uno accanto all'altra come cani. È stato meraviglioso. Torniamo a parlare di noi, come per chiudere il triangolo. Ci raccontiamo per ore quello che proviamo l'uno per l'altra. Non pensavamo che l'incontro dei corpi avrebbe potuto aggiungere intensità ai nostri sentimenti. Ora che ci siamo trovati non ci separeremo più. Ho deciso: verrò via con te. Il tempo di tornare a casa a fare le valigie e poi via, ti seguirò ovunque vorrai. Mi guardi, mi sorridi, i tuoi occhi sono così pieni d'amore. Sapessi quanto sono felice, quanto, Peppino. Non ti chiami Peppino? Ugo? Non sei l'informatico dell'IBM di F.? Parrucchiere per signora a B.? No, non sono Carmela, mi chiamo Mena, piacere.

HangingRock nei commenti di Flounder

martedì, marzo 27, 2007

Questo mio blog chiude stasera.

Lo dedico a loro, i miei bambini. Non posso con sincerità dire che sia nato per loro perchè non è così. E' nato per me sola e tutta la voglia che avevo di trovare me stessa tra pannolini e pappe e una vita che non mi aspettavo di vivere (cioè, mi aspettavo di viverla così, si, ma non al preciso momento in cui è accaduta). E' tutto loro e resterà qui perchè un giorno, se vorranno, potranno leggere il dietro le quinte di una mamma qualunque che ce la sta mettendo tutta, tutta quella che le sembra possibile ed equilibrato mettere.

E' anche dedicato alla mia amica scomoda, che lei si riconoscerà, e saprà perchè (anzi no glielo dico: perchè sa vivere la mia vita ogni volta che la incontra come se fosse un pezzo sua) e saprà anche accorgersi che io c'ho il piede pruriginoso.

Mi sono divertita da morire. Grazie.

Adesso mi si scusi ma vado a fare l'amore con il mio (gran) marito.

// posted by Valentina

lunedì, marzo 26, 2007

da: I ragazzi di Juditta

Bilancia

Si muove dentro e fuori di me con ritmo costante, annoiato. Non dà alcun segno di stanchezza o godimento. Non si lascia sfuggire una sola parola. Continua a fissarmi negli occhi con aria da triglia. Fa soste continue per prolungare il più possibile la durata dell'atto. Mi concede qualche bacio distratto prima di mettermi le mani sulle spalle invitandomi tacitamente a cambiare posizione. Non vedo l'ora che raggiunga il suo scopo per rimettermi a dormire.

venerdì, marzo 23, 2007



L'oiseau que tu croyais surprendre
battit de l'aile et s'envola;
l'amour est loin, tu peux l'attendre,
tu ne l'attends plus, il est là.
Tout autour de toi, vite, vite,
il vient, s'en va, puis il revient;
tu crois le tenir, il t'évite,
tu crois l'éviter, il te tient!

Carmen
Opéra en trois actes par Henri Meilhac et Ludovic Halévy
tiré de la nouvelle de Prosper Mérimée
Musique de Georges Bizet

giovedì, marzo 22, 2007

160 BATTUTE*

160 battute per parlare di cosa
eravamo
fanno due otto,
due piste eternamente chiuse in se
senza destinazione
più uno zero.
Ciò che mi hai lasciato.
In fondo bastano.

(Jane Bowie)

* dal IV Concorso Internazionale
"Il corto letterario e l'illustrazione"
penso anche io che non sia possibile rimanere nascosti se qualche potere forte ci cerca, per questo penso che non dobbiamo scandalizzarci dei vari comportamenti atipici.
se io compro del sesso, se i miei gusti sessuali vanno verso persone del mio sesso, se la sera mi faccio una canna, se prendo un valium per dormire, se vado due volte alla settimana da uno psicoterapeuta, se mi piace il gelato al lampone, tutto questo fa parte della mia vita privata che con la sfera pubblica non ha nulla a che vedere.
il sirchina ha diritto a farsi un trans senza che questo implichi la sua esclusione dalla vita pubblica e poiche' non e' possibile tenerlo nascosto siamo noi tutti cittadini che non dobbiamo dare rilevanza al fatto.

sergio della zonker's zone

mercoledì, marzo 21, 2007



Venus & Moon / Venere e la Luna

martedì, marzo 20, 2007

CHANCE: That is correct. In a garden, growth has its season. There is spring and summer, but there is also fall and winter. And then spring and summer again...

From the novel by Jerzy Kosinski Being There
Screenplay by Jerzy Kosinski and Robert C. Jones

--

CHANCE: Sì. In un giardino c'è una stagione per la crescita. Prima vengono la primavera e l'estate, e poi abbiamo l'autunno e l'inverno. Ma poi ritorna la primavera e l'estate.

da Oltre il giardino (Being There)

Regia: Hal Ashby
Cast: Peter Sellers (Chance), Shirley MacLaine (Eve), Jack Warden (Presidente), Melvyn Douglas (Rand), Richard Dysart (Allenby), Richard Basehart (Vladimir)

domenica, marzo 18, 2007

Avete presente il documentario con gli orsi che prendono al volo i salmoni nel fiume? Non è più necessario prendere tutti i salmoni che passano, l'importante è selezionare bene il fiume ed essere sicuri che quando serve i salmoni ci siano.

Paolo Valdemarin

venerdì, marzo 16, 2007

1. A 8 anni, alle elementari usai la macchina da scrivere del babbo per una lettera anonima. Scrissi a Paola, di cui ero innamorato, dandole della puttana. Firmai Alessandro e feci scivolare la lettera nella cartella di lei. Dal giorno successivo Paola e Alessandro smisero di scambiarsi quei cazzi di bigliettini.

2. L'anima delle persone esiste. Intendo dire che si vede. Quello che non sai è che io l'ho vista. È uguale a un fiato nel freddo, ma ha il bordo arancione. Passa attraverso il soffitto.

(pre)digerito da zio burp

giovedì, marzo 15, 2007

Last jew
Lui è ebreo, ama lei che è cattolica. Per evitare che salti tutto, dal benestare dei suoceri al matrimonio, evita di svelare la propria pochodzenie-origine. Ma poi arriva uno che spulcia gli archivi e mescola le carte. Fa un rimestìo, per cui risulta che lui, l'ebreo, non è per nulla ebreo, quindi è cattolico e che lei, la cattolica, non è per nulla cattolica ma è ebrea. Alla fine il matrimonio salta perché rimescolando le identità si rimescolano anche le antipatie. Il tutto si svolge a Lodz.

Postato da: inquiline

domenica, marzo 11, 2007

momix
da sgnapisvirgola

There's a bit of magic in everything
and then some loss to even things out.

Lou Reed, Magic and Loss. The Summation

C'è un po' di magia in ogni cosa
e poi la perdita, per pareggiare i conti.

venerdì, marzo 09, 2007

Torino, Stadio Comunale, 11 Luglio 1982 - ore 15.00
Under My Thumb
When The Whip Comes Down
Let's Spend The Night Together
Shattered
Neighbours
Black Limousine
Just My Imagination
Twenty Flight Rock
Going To A Go Go
Let Me Go
Time Is On My Side
Beast Of Burden
You Can't Always Get What You Want
Angie
Tumbling Dice
She's So Cold
Hang Fire
Miss You
Honky Tonk Woman
Brown Sugar
Start Me Up
Jumpin' Jack Flash
Satisfaction


- - - -

video - Vanessa Paradis, Beast of Burden

giovedì, marzo 08, 2007

La vita è ciò che tu suoni.

Pedro Salinas (da Buba)

- - - -

video - Marlango, Pequeño vals (directo)

mercoledì, marzo 07, 2007

da YouTube
Have You Seen The Stars Tonight
Paul Kantner & Jefferson Starship

- - - -

To infinity and beyond... che bello. Io invece sono andata oggi a Busto Arsizio. Sigh.

Bhuidhe

martedì, marzo 06, 2007

...
se fossi uno psiconeurologo mi piacerebbe fare il cuoco.

BrodoPrimordiale

- - - -

video - mago gabriel, "oroscopo del mangiare"

lunedì, marzo 05, 2007

...
È importante ricordare che a volte il valore di un desiderio supera quello della cosa desiderata e che il proprietario del desiderio potrebbe tenere più al desiderio che alla sua realizzazione.
...

postato da HangingRock

- - - -

video cristina donà
video Cristina Donà featuring Robert Wyatt - Goccia

domenica, marzo 04, 2007

Vanessa Paradis in La ragazza sul ponte



postato da: LaltramareaLuna

sabato, marzo 03, 2007

A sedici anni andavamo alla Luna.
Portami alla Luna, diceva, quando voleva fare l'amore. E bisognava camminare un po', tra i campi, con l'odore d'erba bagnata ed i cespugli di sambuco.

SwannilCigno

--

fuori la luna è piena e rossa e questo può voler dire un paio di cose e niente più: uno, vega attaccherà, due, un cuore a pezzi qui nei dintorni sanguina fin lassù.

arsenio

venerdì, marzo 02, 2007

...
"Look at the clouds," ti dico, rompendo il silenzio, "they're perfect!" Sembrano disegnate. Dalla mano di un bambino, piccole, bianche e regolari su un azzurro d'acquarello. "Yes. It's a perfect day" mi rispondi.
Ci giriamo appena e ci guardiamo d'intesa con la coda dell'occhio. Attraverso le lenti nere non li vedo, ma so i tuoi occhi. E tu sai i miei.
...

(da A Perfect Day, A.)

--

Just a perfect day
you made me forget myself

(da Perfect Day, Lou Reed)

giovedì, marzo 01, 2007

MARZO

Marzo: nu poco chiove
e n'ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride 'o sole cu ll'acqua.
Mo nu cielo celeste,
mo n'aria cupa e nera:
mo d' 'o vierno 'e tempeste,
mo n'aria 'e primmavera.
N' auciello freddigliuso
aspetta ch'esce 'o sole:
ncopp' 'o tturreno nfuso
suspireno 'e vviole.
Catarì... Che buo' cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu 'o ssaie, si' tu,
e st'auciello songo io.

Salvatore Di Giacomo

--

Salutammo. Chest' è 'a Wikipedia d''a lengua napulitana.