mercoledì, novembre 26, 2003

La Sua prenotazione per AUSTRIA, VIENNA (solo soggiorno)
per un totale di Lire Euro 240 (L. 464.704)
è stata ricevuta correttamente.

Il Codice di Prenotazione Internet è: omissis

I dettagli completi per questa prenotazione
possono essere consultati alla seguente pagina:
http://www.lastminutetour.com/l?act=ibo&ibc=omissis
e sono anche riportati più avanti in questo messaggio.

La ringraziamo per aver prenotato un'offerta Last Minute Tour.
Ci metteremo in contatto con Lei al più presto.


Last Minute Tour
Your Internet Staff

Dear Simone Righini,

Thank you for your interest in becoming an Open Directory Project editor.
After careful review, we have decided not to approve your application at
this time. The most common reasons a reviewer will deny a new application
include, but are not limited to,

* Incomplete application. Insufficient information has been provided in some
fields including reason, affiliation and/or Sample URLs.
* Improper spelling and grammar.
* Sample URLs are inappropriate for the category which one has applied to
edit. They may be too broad, too narrow, completely out of scope, poor
quality, or in a language inappropriate for the category. All non-English
sites are listed in the World category. Applications for World categories
that include sites only in English will be denied. Likewise, applications
for World categories that include sample URLs in languages other than the one
appropriate for the applied category will be denied.
* Not properly disclosing affiliations with websites that are, or have the
potential of being, listed in the category.
* Titles and descriptions of sample URLs (and other information provided)
were subjective and promotional rather than unbiased and objective. ODP
editors do not rank or write website reviews. ODP editors provide objective
and unbiased descriptions of websites and their content.
* Self-Promotion. Application which leads us to believe that the candidate is
interested primarily in promoting his/her own sites or those with which the
applicant is affiliated. The ODP is not a marketing tool, and should not be
used to circumvent the site submission process. If this is an applicant's
motivation for joining, then we ask him/her not to apply. Editors found to be
inappropriately promoting their own site will be promptly removed.

Due to the large number of applications we get every day, we are unable to
provide personal responses to every application or to respond to inquiries
about why you were rejected. If a reviewer chose to provide additional
comments to you, they will be given in the "Reviewer Comments" section below.

Your willingness to volunteer is greatly appreciated and perhaps we will be
able to utilize your talent in the future.

Regards,
The Open Directory Project
Ricordo sempre la prima reazione di mio papà dopo l'operazione di cataratta (che si tirava dietro da una trentina d'anni): "Ma dove cazzo stavano tutti 'sti colori???".

Franco G.


martedì, novembre 25, 2003

Clara: a Ni', hai visto che jà detto la Guzzanti a Ferrara?
Nino: che è un ciccione?
Clara: sì e pure che è 'na fetecchia!
Nino: e lui che jà risposto?
Clara: che è n'ignorante e che n's'attaccheno l'ebbrei.
Nino: dice che è tutta satira politica!
Clara: allora, pure io se te dico che nun te reggo più e che lo Stato te dovrebbe da rottamà e damme in cambio du' ragazzi de' trent'anni, pure io faccio satira? Satira matrimoniale!

millevocidentro

lunedì, novembre 24, 2003

abbiamo stabilito che figabanana è una parolaccia e come tale verrà multata

Auro, una donna che tenta la fuga

domenica, novembre 23, 2003

La mia casa deve essere un posto in cui MI DIVERTO. Per divertirmi ogni cosa deve essere carica del mio piacere. Oggetti che mi piacciono e che sono funzionali al mio piacere. Il PC non deve dare le spalle alla porta. Appena entrata la casa mi deve dire “bentornata”. Accoglienza. Deve essere anche il luogo in cui mi piace accogliere gli altri. Deve essere lo specchio di me stessa. Un posto MIO in ogni stanza. I miei libri in bella vista. Visione schermo posti più riservati. La luce è mia non devo lasciarmi invadere dal casino degli altri. Butta via tutto, non ti fermare. Non indugiare sul passato. Se un oggetto anche utile ti dà una sensazione un ricordo negativo butta. Ogni cosa è legata ad un momento, a un’azione piacevole. Non c’è l’immagine ma la funzione. La funzione serve a te, non a sembrare. A VIVERE. Il bagno è profumato, il calore è piacevole – lo schermo ti piace, ti senti protetta, in un tuo nido. Un bel divano è il tuo. Indipendenza e decisione. Profumo e musica. COMUNICAZIONE. Dentro e fuori.

Posted by whynot

sabato, novembre 22, 2003

coraggio, il cielo dopo la tempesta è di un colore che prima non aveva

Sergio

(dalla mailing list della
Zonker's Zone)

venerdì, novembre 21, 2003

nessuno può toglierti quello che hai ballato

occhivispi

Che io ho già capito che l'amore è un casino perché mettiamo che ti piace una persona e poi quella persona gli piace un'altra persona tu resti fregato con tanto di naso come Cirano e poi quando quella persona gli piaci pure tu è troppo tardi e muori.

marquantino

giovedì, novembre 20, 2003

Tony: Sai, oggi ho sentito in radio una notizia inquietante...
Gatta: Davvero? E cosa diceva?
Tony: Diceva un esperto che chi dorme abitualmente con una persona che russa, molte volte viene affetto da sordità progressiva.
Gatta: Cosa?
Tony: Chi dorme con uno che russa diventa sordo!
Gatta: Eh?
Tony: Dicevano che se dormi con una persona che russa abitualmente perdi l'udito!
Gatta: Come?
Tony: Bastarda...

Black Cat

lunedì, novembre 17, 2003

La blogosfera, va dato atto, è un'occasione democratica. Chiunque può aprire la porta e gridare Il re è nudo! (o anche Walter Nudo!, a seconda che il background sia monarchico o monoscopico).

Herzog


sabato, novembre 15, 2003

01/11/2003
Basta un infinitesimo niente.
Una mattina di sole che si trasforma in un pomeriggio di pioggia, un uomo che ti guarda come se fossi trasparente, la domanda impertinente di un bambino in fila con la madre alla cassa del supermercato che ti chiede quanti anni hai, un'amica che non risponde al telefono, silenzio su quello che stai facendo e che avresti comunque fatto, un gesto di stizza quando tu sei tristissima.

pensato da blaue | 11:22 |

31/10/2003
Basta un infinitesimo niente.
Una mattina piovosa che si trasforma in un pomeriggio di sole, un uomo che ti guarda dritto negli occhi come se tu fossi bellissima, la domanda impertinente di un bambino in fila con la madre alla cassa del supermercato che ti fa scoppiare a ridere, un'amica che ti telefona perché ha due biglietti gratis per il teatro, un "brava" per quello che stai facendo e che avresti comunque fatto, un abbraccio che ti consola anche quando non sei triste.

pensato da blaue | 10:19 |

venerdì, novembre 14, 2003

I libri che pubblichiamo sono il nostro contributo ad un mondo che sta emergendo, basato sulla cooperazione piuttosto che sulla competitività, sull'affermazione dello spirito umano piuttosto che sul dubbio del proprio valore, e sulla certezza che esiste ua connessione fra tutti gli individui. Il nostro fine è di toccare quante più vite è possibile con un messaggio di speranza in un mondo migliore.

Dietro a questi libri ci sono ore ed ore di lavoro, di ricerca, di cure: dalla scelta di cosa pubblicare - operata dai comitati di lettura - alla traduzione meticolosa, alle ricerche spesso lunghe e coinvolgenti della redazione.

Desideriamo che i lettori ne siano consapevoli, perchè possano assaporare, oltre al contenuto del libro, anche l'amore e la dedizione offerti per la sua realizzazione.

un messaggio ai lettori, dagli editori della Amrita.

giovedì, novembre 13, 2003

Se mai un giorno dovessi avere un parente che mi muore in situazioni spettacolari, e un giornalista (uomo o donna) dovesse venire a intervistarmi, lo avviso fin d'ora che gli rompo il setto nasale con una testata.

Momoblog

Inconsciamente e' come se vivessi due case fa, eppure abito li' da almeno sette anni. Se mi chiedono a bruciapelo a che piano abito, mi viene da rispondere terzo o quarto (come nelle case precedenti), mai secondo. Tornando in macchina, e' da poco che ho smesso di rallentare davanti a casa dei miei, come se mi dovessi fermare li'. E per finire non faccio mai sogni ambientati in questa casa, se non in momenti molto significativi della mia vita.

Severine alle 17:30 del 12 novembre, 2003

mercoledì, novembre 12, 2003

quello che non ho e' di fregarti a carte - io so una cosa che non devo dire a nessuno.
io ho in serbo una recensione scritta su commissione.
io ho una confessione da fare, una denuncia da esporre e un elogio da ricamare.
io ho una caramella in bocca, un pensiero in testa e una perversione che non si puo' raccontare.
non ho rimorsi, non ho rimpianti. gli sbagli li metto sulla bilancia e fanno pari patta con la cellulite.
ah, ecco. si': io ho fatto pace con la tecnologia.
[mais... ho anche una risposta per te. sii paziente. 'bbraccio]

Auro

martedì, novembre 11, 2003

Questa tecnologia di cui vi circondate è sempre meno affidabile e sempre più potenzialmente pericolosa.

i sistemi operativi con i quali governate altre macchine stanno in piedi per un favorevole gioco di correnti d'aria.

fossi ancora vivo in questa civiltà, io tornerei con i piedi per terra.

...da un altro piano, Igor Mendel

"L'uomo, se opportunamente despermizzato, è fedele."

anonima belgradese

lunedì, novembre 10, 2003

Ci sono cose che nessun dibattito sui blog può descrivere e le scopri quando tutte le parole, i pixel, i byte, si trasformano in occhi e movenze.
E' un qualcosa sottilissimo che cambia. In fondo li conosci da tempo, li leggi ogni giorno e passi ore a parlarci su icq. Ma qualcosa magicamente cambia...

Proserpina

- Non leggi mai un libro!
- Meno ne so meglio è, se mai dovessero catturarmi.

Altan

domenica, novembre 09, 2003

Una volta, guardandole gli astri, dissi a una persona: ti conviene chiudere in maniera indolore prima che sia il destino a chiudere per te, poi saranno dolori. Mi rispose: combatterò fino alla morte. Non è morto, ha combattuto invano, ha chiuso per sorta di destino predetto.
Ecco, io vorrei dire a qualcuno che i suoi astri stanno volgendo al meglio ma che al meglio si arriva solo attraverso a rivoluzione che non è mai indolore. Avere il coraggio di uscire dalla bieca e rosata prigione dell'abitudine per affrontare un periodo apparentemente nero per riprendere in mano le sorti del proprio destino e della propria dignità... quello è un vivere da persone intelligenti, libere e consapevoli.

Bea, nei commenti a TxP

giovedì, novembre 06, 2003

Ci sono legami impossibili a spezzarsi.
Hanno superato le barriere spazioTempo, non conoscono la morte.
Sopravvivono su altre Dimensioni, ogni tanto si materializzano qui, ma il loro filo è eterno anche se ci si perde di vista.
Non hanno più bisogno di parole né dell'ordinaria comunicazione. Essi vivono di telepatia e vibrazioni cosmiche.
Combattere per riannodare questi cammini scrociati è un saper dare alla vita il suo unico valore.
Io ve l'auguro con tutto il cuore.

bea (nei commenti di vocenarrante)


... e per la camicia del lazzo... ip ip, urrà


martedì, novembre 04, 2003

avevo una storia per te ma
non riesco a ricordarla.

zazie in blue

lunedì, novembre 03, 2003



Hanno beccato un giudice mentre si faceva una pippa in aula.
Io sono per la separazione delle carriere: o blogger, o magistrato.

Gianluca Neri

sabato, novembre 01, 2003

"tutto è jugo quindi niente è jugo" è preso da "autopsia dei balcani" di rada ivekovic. è da intendersi in due sensi, secondo l'autrice, e li condivido entrambi: il primo è "siamo tutti a sud/est di qualcun altro, i balcani cominciano sempre un centimetro più in là di noi", ovvero "siamo tutti i terroni di quacun altro", ma anche in senso di impoverimento del termine: racconta la ivekovic come per 50 anni tutto sia stato ossessivamente "jugo" (jugobanca, jugoidee, jugocibo, jugo-macchina, jugopolitica, jugo-tutto), così alla fine il termine 'jugo' ha smesso di avere senso e quando s'è trattato di 'difenderlo' nessuno sapeva più esattamente cosa c'era da difendere. abuso di una parola che smette di avere un significato. è un bel libro anche questo della ivekovic (raffaello cortina editore, 11 e)...

babsi jones

Qui non esiste Dio non esistono né angeli né diavoli - Qui è la mia casa Paradiso ed Inferno personale - Rifugio sicuro e trampolino per spiccare il volo - Qui in nessun altro luogo posso sentire di appartenere a qualcosa... Solo qui accucciata sopra il mio cuore

amabeth