giovedì, novembre 01, 2007

Piu' che ti sguardo

Piu' che ti sguardo vorrei fiocinarti
con punta di polpo, sbatterti a riva
col nero di seppia, in un solo colpo
aggranchiare i tuoi fianchi, farti
aragosta, non gambero inverso,
succhiarti le chele calarti le braghe
e poi farti male.

D'altronde sapevo, gia' in tuffo d'esordio,
che il mare e' miraggio. poi pallido assorto
rimane il fondale.

Luigi Nacci (da: AA.VV. - Di sale, sole e di altre parole)

Nessun commento:

Posta un commento