lunedì, settembre 11, 2006

Allora si udì il ruggito degli aeroplani [...] Quindici minuti dopo tutto l'edificio bruciava [...] I militari entrarono nell'edificio e occuparono tutto quanto restava del pianoterra.
[...]
Condussero Jaime nella stanza delle caldaie, dove c'erano altre persone in piedi contro la parete, sorvegliate da un soldato livido che andava avanti e indietro puntando contro di loro il mitra.
[...]
Nella grande casa dell'angolo, il senatore Trueba aprì una bottiglia di champagne francese per festeggiare il crollo del regime contro cui aveva lottato tanto ferocemente, senza sospettare che in quello stesso momento stavano bruciando i testicoli a suo figlio Jaime con una sigaretta d'importazione.

Isabel Allende, La casa degli spiriti

Nessun commento:

Posta un commento