martedì, febbraio 14, 2012

Ciao Mauro

--

E non si muore così, non all'improvviso. Non che tre giorni fa mi commenti e poi sparisci. Chi lo ha conosciuto solo in rete, sa che Mauro Gasparini era un'intelligenza brillante e profonda. Chi lo ha conosciuto dal vivo e ci ha condiviso insieme iniziative, progetti, divertimenti, sa che era anche una persona per bene, molto dolce, disponibile all'ascolto, grande affabulatore. Io detesto gli addii, detesto usare facebook per questi scopi. Ma sono dispiaciutissima, ho un suo libro di racconti sul comodino, ho decine di mail, ho il ricordo di una serata a Torino in cui mi faceva da cuscinetto con Luigi Romolo Carrino con cui non smettevo di litigare. Ho siti che raccolgono i nostri racconti insieme. Non si fa così, Gaspari'.

Brunella Saccone (Flounder) su fb

--


Souvenirs de la vie
testo di Mauro Gasparini, disegni di Rocco Lombardi

grazie a Isola Virtuale

--

oggi Mauro se ne è andato, e io non ho avuto l’occasione di dirgli grazie. Lo faccio adesso.

Stark

--

Ed ora che stava ottenendo quello per cui aveva lavorato trent’anni, ora che Garibaldi andava da Dio e che Veleno stava per avere un seguito, ora, cazzo, mica se ne doveva andare.

chiagia (Gianluca Chiappini)

--

Confuso
teme sia troppo tardi per porgere un deferente e commosso saluto a un poeta veneziano, sosia gentile di Garibaldi.

--


ciao.
dario

--

Un sorriso in meno

Albamarina

5 commenti:

RiccioNascosto ha detto...

Ennò, ha ragione Bru', non si fa così.
Io l'ho saputo da una mail, e ho passato una serata a rileggere le sue, di mail, a sorridere, ad arrabbiarmi con me stessa perché era troppo tempo che non ci sentivamo, e ora è troppo tardi. (vorrei dire altro, ma ancora non ci riesco. Tra qualche giorno, forse)

Zu ha detto...

Ciao, ti capisco e ti abbraccio.

Zu ha detto...

Inoltre: Ciao Mauro di Nicola Zago

Laura ha detto...

Zu, mi permetto di lasciare qui anche il link del post dello Zio Bonino.

http://eiochemipensavo.diludovico.it/2012/02/17/lo-sai-cose-successo/

Zu ha detto...

Brava, Laura.
Lo metto qui anche in versione cliccabile: Lo sai cos’è successo?

Posta un commento