sabato, maggio 27, 2006

Mare che è madre senza "d", placenta, ventre confortante, quando tutt'intorno è silenzio, solo il quieto borbottare delle bolle dell'erogatore, e tu non hai peso, e puoi planare accanto a uno squalo o solleticare un polpo, pinneggiare incontro a una meta o restartene sospeso a contemplare il blu, valutando quanto siano distanti la superficie e la terra emersa prima di controllare la profondità sul computer, restando a mezz'acqua prima di decidere che è arrivato il momento di riemergere o stimando quale sia la distanza che ti separa dall'abisso...

posted by ranafatata

Nessun commento:

Posta un commento