martedì, settembre 28, 2004

Tirtha è un vocabolo sanscrito neutro (raramente maschile) che significa: passaggio, strada, confine, un luogo per fare il bagno, luogo di pellegrinaggio sulle rive di affluenti sacri, un posto dove l'acqua è pura e si può bere, acqua sacra; e ancora: il posto giusto al momento giusto; e consiglio; e certe linee o parti delle mani sacre alle divinità; e un oggetto venerato; uno dei dieci ordini ascetici; la vulva; i percorsi di una domma; fuoco; la linea che unisce, la congiunzione, l'unione di due realtà, di due mondi. Non è una parola bellissima?

Postato da: RossellaMariaIrma

Nessun commento:

Posta un commento