lunedì, maggio 06, 2002


Roma


Lui A - ...in tempi recenti, addirittura Marco ad una festa c'ha provato e c'ha paccato.
Lui B - Mh mh
Lui A - Poi, invece, Enrico mi viene a dire che lei è una ragazza che magari ci esci una volta e lei riesce a capire come sei fatto, poi la chiami, poi gli dimostri che te sei più grande e poi alla fine da lì può nascere il tutto, perchè cambia il rapporto eccetera.
Lui B - Eh, eh.
Lui A - Però poi, vojo di', a me me rode il culo di passarci troppo tempo, cazzo! Capito? Poi per una come lei, vojo di', parlamose chiaro...
Lui B - Eh, in effetti...
Lui A - Basta! ora la chiamo e gli dico...
Lui B - Che vorresti tanto metteje le mani nelle mutande!


Salerno


A - Ma sì che tieni ragione, nonn. 'O president ha vinto l'elezion a forz e' spott. Ma che te vennd nu spott? 'Na cos che ppoi quan 'a compr fa sempre più schiff de comm te sembrav. 'O probblema accà écché la ggent ha capit che 'stu spott nun c'avev manc a' merce da vennere. Solo 'i chiacchere.
B - Eh! 'O dicev Nostro Signore: feriss cchiù la lengua della spad.
A - Allò, nonn! Ma quale lengua? A chissto, si non lo sbatton ammare comm a chillo brasiliano, ciò mett a tutt su do' culo.
B - Eh, i l'ho sempr ritt ca l'italian so tutt' un po' recchion!


Caserta


Lei A - Ma simmangiat pesànt?
Lei B - Beh, ierasser no. Ma l'atr giuorn fuors ho un poc esaggerat au matrimonie e' Ninucc.
Lei A - Ah! Ecc u' peccat! Emmò u' demonie te fa scuntà!
Lei B - (Comincia a piangere) Mamma mia! Mamma mia! Chiddolor! Nummepò trattà cussì! Io aggia ritt tutt'i preghier pe' sett giuorn! Nummepò trattà cussì! Apperché! Apperché?!... (Piange forte)
Lei A - Sint! Sint! Finiscila 'i chiannere! Assuntì! Ascuolt! Sissòl in casa?
Lei B - (Piangendo) No, c'è Tonin!...
Lei A - Bùon! Fallo uscire subbito!
Lei B - Quantsuord t'aggia 'mandà?
Lei A - Lasc perd issuord ca pass 'ii chiù tard. Mammò mann Tonin a o' mercat e diceje d'accattà mezz chil 'e zucc e nu' pacc 'e idrolitin. Poi pigl a zucc a pist cu' sal i 'tta magn co nu cucchiaie d'arcient e subbito topo t'abbevi nu' litr d'acqq ca' idrolitin. Appoi t'ammitt supr a tazz e te sforz 'e scureggià. Ma fort! Devi 'ffà trase for 'o respir do demonie!
Lei B - (Piange)
Lei A - Fa' prist!! Capit!?
Lei B - Sì cummà! Tonin! Tonin!! Vien accà!!


Roma


Lui A - Te volevo chiede se me poi accompagnà...
Lui B - 'Desso, no. C'ho da fa'. Alle due vabbé?
Lui A - Ma che cciai 'a diarea? (Ride)
Lui B - No, sto a scrive a Rutelli.
Lui A - Ma che te sei rincojonito?
Lui B - Perché? Ho letto pe' strada che si voi je poi scrive.
Lui A - E che je stai a scrive?, che c'ha le corna? (Ride)
Lui B - No, sur traffico. Ch'è tutta corpa dei pizzardoni.
Lui A - 'Tacci loro.
Lui B - Oh, io ggiro cor motorino e li vedo, eh! Nun fanno 'n cazzo!
Lui A - Nun mo' dì ammé. Ce n'ho due che m'entrano tutti i ggiorni e se fanno cappuccio e lievito aggratis, tutti i ggiorni, eh!
Lui B - 'Tacci loro!
Lui A - E ieri uno s'è preso pure le Mental.
Lui B - 'Tacci sua...


da terziario arretrato: in giusto formato da leggersi sulla tratta Napoli-Roma, o sul tratturo Napoli-Salerno, a scelta.




Nessun commento:

Posta un commento